Monthly Archives: maggio 2014

Curare il proprio sorriso con cioccolato e formaggio

Non sempre i cibi “gustosi”, quindi ricchi di zuccheri, sono nemici dei denti.
A stilare un elenco dei cibi salva-sorriso sono stati gli esperti riuniti in occasione del XXI Congresso Nazionale del
Collegio dei Docenti Universitari di Odontoiatria.
Sì ai mirtilli, che contengono sostanze antibatteriche in grado di tagliare il rischio carie del 45%, e allo yogurt, che riduce
il pericolo di oltre il 20%. Ma nella dieta amica dei denti non dovrebbero mancare anche i funghi, cicoria e verdure crude,
da mangiare spesso perché sono un ottimo spazzolino da denti naturale, aiutando a eliminare residui di cibo. Promossi
come “cibo funzionale” anche i chewing-gum allo xilitolo, perché le ricerche hanno mostrato come questo particolare tipo
di zucchero sia in grado di ridurre la proliferazione dei batteri ed anche il cioccolato, caffè vino e formaggio che aiutano i
denti a non essere attaccati da placca e carie.
Alimenti decisamente no invece tutti quelli che tendo a portare il pH della bocca in acido indebolendo lo smalto e
rendendo i denti fragili favorendo l’attacco dei batteri. Quindi da evitare le bevande gasate, succhi di frutta, la birra, il
vino bianco o perfino le mele: cibi tendenzialmente acidificanti ma che tuttavia non devono per forza essere banditi del
tutto, perché conta non solo ciò che si mangia ma anche come lo si consuma. L’acidità di questi alimenti infatti può essere
efficacemente tamponata accompagnandoli con un po’ di formaggio, ricco di calcio e grassi che proteggono lo smalto.
Uno studio italiano discusso durante il congresso ha dimostrato che i fermenti lattici riducono la proliferazione dello
Streptococcus mutans, il batterio che causa la carie dentale.
“Il nostro studio ha dimostrato che l’aggiunta di fermenti lattici a latti artificiali [...]

Proteggere denti e gengive durante le terapie oncologiche

Un calo delle difese immunitarie provocato dalle terapie oncologiche (chemioterapia e radioterapia) del distretto
testa-collo può comportare complicanze orali. La maggior parte di queste, però, può essere prevenuta. Linee guida internazionali e nazionali, promosse dalle società scientifiche e adottate dagli odontoiatri, offrono consigli pratici per affrontare questi delicati momenti. Durante le terapie è consigliato rimandare interventi non indispensabili e comunque informare il proprio dentista riguardo alle cure in corso valutando con lui i trattamenti più idonei. Viene raccomandato, inoltre, di curare con particolare attenzione l’igiene orale avvalendosi di appositi antisettici e analgesici ma soprattutto di chiedere che venga attivata una collaborazione e comunicazione tra oncologo e dentista di fiducia. I dentisti ANDI, da tempo attivi nell’Oral Cancer Day – giornata dedicata alla prevenzione del tumore del cavo orale che quest’anno si terrà il 17 maggio -, sono tra gli specialisti a cui rivolgersi con serenità e fiducia.